CONSOLIDAMENTO
STRUTTURALE
DEGLI EDIFICI

CASTELLO 'RIVERA'

Località

L’Aquila


Tipo fabbricato

Edificio in muratura


Anno

2012

Descrizione dell'intervento

Il Castello Rivera (XVI secolo) è costituito da un corpo principale, di superficie lorda pari a circa 650 m2, che conta tre piani fuori terra e dal quale spicca una torre di cinque piani.
La presenza di finiture di fine pregio architettonico, di bassorilievi, di capitelli in pietra come si evince dalle immagini, seppur in una fase di cantiere, denuncia la complessità dell’opera e la capacità di conservarne intatta la bellezza pur nel rispetto dell’intervento di consolidamento.
L’intervento CAM® esteso su tutto il fabbricato, comprendente maglia diffusa, cordolo e arpionature dei travetti di solaio, persegue l’obiettivo di limitare i cinematismi di collasso per attivare le capacità duttili a livello globale e riportare l’azione sugli elementi in grado di sopportare l’azione nel proprio piano ‘forte’. L’intervento CAM® permette inoltre di migliorare la capacità dei pannelli nel piano (rottura per taglio e flessione) e per ribaltamento fuori piano.
La flessibilità del Sistema ed il suo MINIMO INGOMBRO ha permesso di seguire agevolmente gli andamenti non rettilinei delle pareti, di attraversare le volte, di rinforzare i sopra e sotto finestra, mantenendo una estrema regolarità dell’orditura.
Altrettanta attenzione si è posta nel curare il dettaglio nelle cuciture tra le pareti, spesso non ortogonali e fortemente irregolari. Per gli orizzontamenti sono stati realizzati interventi di incatenamento diffuso tramite arpionature dei travetti di solaio, sia lignei che metallici. Il getto di una solettina in CLS ha consentito di completare la connessione realizzando in parte un effetto diaframma, senza la necessità di realizzare dei cordoli in breccia.


< Indietro

Vuoi RICEVERE maggiori informazioni?